hello@fishouse.it
Piazza della Serenissima, 20 int 9
31033 Castelfranco Veneto (TV)

(+39) 0423 494266

Lunedì - Venerdì
9:00 - 13:00 / 14:00 - 18:00

Per fare marketing su Facebook e promuovere le aziende attraverso il più diffuso tra i Social Network, è fondamentale conoscere che cos’è e come funziona l’algoritmo di Facebook. Si tratta di quell’insieme di calcoli che decide cosa farci vedere nella nostra News Feed (la sezione Notizie del nostro profilo o di quello dei followers della nostra pagina), essi tengono conto anche delle nostre azioni.

EdgeRank, così si chiama il famigerato algoritmo di Facebook, ha l’enorme potere di determinare la Portata Organica dei tuoi post, ovvero il numero di utenti che un contenuto raggiunge. EdgeRank decide quale e quanta visibilità avranno i tuoi post, assegnando ad ognuno di loro un punteggio in grado di determinare quanto interesse abbia un utente a visualizzare la tua notizia. Questo punteggio veniva calcolato prendendo in considerazione tre fattori, Affinity Score, Weight, Time Decay. Oggi le cose sono un po’ cambiate.

EdgeRank oggi non esiste più. Ha lasciato il passo ad un sistema di fattori sempre più complesso che hanno l’obiettivo di restituire agli utenti contenuti che soddisfino al meglio i loro interessi.

Pubblicità su Facebook e Coinvolgimento del Pubblico 

Perché un campagna di Social Media Marketing su Facebook sia efficace è necessario attuare tutta una serie di strategie e azioni che portino a coinvolgere un pubblico mirato, ovvero interessato ai prodotti e servizi promossi, e quanto più numeroso.

Uno dei fattori che ci indicano il livello di coinvolgimento e di gradimento del pubblico dei contenuti promossi è la portata organica.

Algoritmo di Facebook e portata organica. Come funziona?

Per aumentare la portata organica dei tuoi post, e quindi il successo della tua campagna e delle tue attività di marketing, è necessario che tu conosca bene come funziona Facebook. In totale il suo algoritmo prende in considerazione più di 10.000 fattori.

Quali sono i fattori principali che determinano la ricerca organica dei post?

  • Affinità. Si tratta della valutazione dell’intensità della relazione tra utenti e tra brand e utenti di Facebook. Viene misurata attraverso l’interazione dell’utente con i tuoi post. Maggiore è l’affinità più aumenterà la visibilità del tuo post.
  • Tipo di post. Il tipo di post e quanto l’utente interagisce con quello specifico tipo di post (foto, status, video, link) influisce sulla portata organica della tua pubblicazione.
  • Peso. Quanta interazione genera un post in termini di like, condivisioni e commenti. Maggiore è l’interazione, maggiore sarà la probabilità che esso verrà visualizzato nel News Feed. Attenzione, commenti, condivisioni e like non hanno lo stesso peso.
  • Decadimento della notizia. Appena pubblichi un post sarà più facile che appaia delle notizie, più il tempo passa, questa possibilità diminuirà. C’è da dire però che grazie al nuovo fattore, lo Story Bumping, qualora un utente non visualizzasse un post perché al momento della sua pubblicazione non era connesso, potrebbe visualizzarlo in seguito grazie a nuove interazioni (like, commenti, condivisioni) con lo stesso da parte di altri utenti. L’orario di pubblicazione dei tuoi post non è più così importante come in passato.
  • Tipologia di dispositivo. Facebook decide quali post visualizzare anche in base al tipo di dispositivo da cui un utente si connette (pc, smartphone, tablet) e alla velocità di connessione della rete. E’ probabile che se un utente è connesso da uno smartphone e la banda di connessione che a sua disposizione è scarsa, l’algoritmo deciderà di mostrargli meno video e più status.
  • Utenti attivi. Gli utenti che dimostrano maggior interesse ai tuoi post saranno quelli che li visualizzeranno maggiormente. 
  • Tasto “Segui”. Si trova sia nelle pagine che nei profili. Va da sé che se un utente clicca su quel tasto, fa capire a Facebook che vuole ricevere gli aggiornamenti di quella pagina o di quel profilo.
  • Tempo. Il nuovo aggiornamento dell’algoritmo attribuisce importanza anche al tempo che un utente spende su un post, anche se non compi nessuna azione.
  • Video live. E’ una novità 2016, si tratta della possibilità di postare live dei video direttamente sulla piattaforma. Ad essi è riservato un posto privilegiato nei News Feed.

Il Marketing su Facebook passa attraverso la gestione di tutti questi fattori, che deve essere inclusa nelle attività strategiche decise al momento della pianificazione della campagna di marketing.

Inoltre, i post che contengono tag a Fan Page sono più visibili di altri nel News Feed e i contenuti che trattano i temi del momento hanno maggiori possibilità di essere visualizzati.

I post degli amici hanno decisamente più visibilità di quelli delle Fan Page, a meno che queste non ricorrano alle sponsorizzazioni a pagamento.

L’algoritmo del tema sponsorizzazioni viaggia in un’altro binario.

“How much did you want to see this story in your News Feed?” E’ questa la domanda che Facebook chiede ai suoi utenti per cercare offrirgli un’esperienza sempre più interessante.

Come partenza, ponitela anche tu.

Vuoi dare visibilità alla tua attività attraverso una campagna di marketing su Facebook?

Per maggior informazioni o per ricevere consulenza sulla tua strategia di social media marketing compila il FORM. Saremo a tua disposizione per pianificare insieme una strategia!

Iscriviti alla nostra newsletter restiamo in contatto.