hello@fishouse.it
Piazza della Serenissima, 20 int 9
31033 Castelfranco Veneto (TV)

(+39) 0423 494266

Lunedì - Venerdì
9:00 - 13:00 / 14:00 - 18:00

Google più che dominare il search marketing, l’ha inventato: a primo acchito parlare di sfida fra AMS, il suo servizio di advertising Amazon, e Adwords, può sembrare azzardato, ma negli ultimi mesi i segnali premonitori sono stati molti, in particolare ci sono 3 tendenze che stanno preparando il campo ad un confronto diretto. Prima di vederle però, facciamo una breve panoramica delle ads solutions offerte AMS:

  1. sponsorizzazioni ‘search’, ossia una ‘sponsored’ label in testa ai risultati di ricerca,
  2. sponsorizzazioniheadline’, che fanno comparire l’ads sotto la barra di ricerca,
  3. sponsorizzazionedisplay’, che appare in alto a destra sulla pagina di categoria prodotto oppure sotto la finestra ‘Aggiungi al carrello’ degli articoli selezionati.

Detto ciò, possiamo cominciare.

1) Chi acquista preferisce condurre le sue ricerche da Amazon

&Egrave, un trend che si registra in modo più marcato negli Stati Uniti, ma anche in Europa l’aumento delle ricerche sul più grande e-commerce del mondo è stato notevole. Il motivo di questo cambio è semplice: se si deve acquistare qualcosa, Amazon offre una ricerca più efficiente, sopratutto per gli utenti già decisi ad acquistare un prodotto e con capacità di spesa importante.

2) Gli ads su Amazon hanno una redditività maggiore che su Adwords

Un dato che spiega la situazione in modo chiaro: da ottobre a dicembre 2017, la spesa su AMS per ads di sponsorizzazione ‘search’ e ‘headline’ è passata dal 64 al 75%, in confronto al 37% di Google Shopping. Ovviamente gli investimenti in ads su Google rimangono decisamente più consistenti, ma resta il fatto che la novità di queste inserzioni e la crescente predisposizione degli utenti a sfruttate Amazon per le ricerche dirette ad acquistare un prodotto, sta spingendo gli advertisers a rivedere la destinazione del loro budget. 

3) Chi cerca su Amazon cerca per acquistare

Mentre su Google spesso si conducono ricerche per semplice curiosità. Su Amazon invece le ricerche hanno uno scopo preciso: trovare il prodotto ed acquistarlo, la conseguenza ovvia è che le persone hanno una propensione all’acquisto più marcata, da cui l’efficacia maggiore degli ads di Amazon Marketing Service.

Ovviamente ci sono alcuni aspetti che compromettono l’efficacia di AMS: Adwords rimane il software che permette di analizzare in modo più completo ed immediato i dati storici di una campagna, riesce ad intercettare leads indirette proponendo acquisti anche durante ricerche generiche, oltre al fatto che Google rimane il miglior strumento per comparare prezzi e caratteristiche di prodotti e servizi.

D’altro canto i dati confermano che Amazon è preferito da utenti con alto reddito che effettuano acquisti diretti con frequenza elevata, oltre al fatto che il suo motore di ricerca tiene in considerazione anche le recensioni. Cosa ancora più importante, AMS non costringe gli advertisers a combattersi le keywords a suon di rialzi del bidding, e questo perché i suoi ads sono diretti ad un unico obbiettivo: mettere la sponsorizzazione davanti agli occhi dell’utente e vendere.

Se cerchi qualcuno che ti possa aiutare con la tua campagna ADV su Amazon, contattaci


Sitografia di riferimento:

Merkle Releases its Q4 2017 Digital Marketing Report – Merkle

It’s Amazon vs. Google as we enter a new era of online-to-offline commerce – Markreting Land

Marketers aren’t yet putting Amazon at the level of Google and Facebook – Digiday UK

Know AAP from AMG and AMS: How Amazon’s major ad offerings work – Digiday UK

Amazon is targeting Google search budgets – Digiday UK 

Iscriviti alla nostra newsletter restiamo in contatto.